:::: Disegna il tuo Futuro ::::

Diritto allo studio

La Provincia assolve, relativamente agli studenti in situazione di svantaggio (disabilità, stato di detenzione, appartenenza ad altra cultura) frequentanti scuola secondaria di II° grado e Centri di formazione professionale, i compiti derivanti in principal modo dall’applicazione del D. Lgs 112/1998 e le funzioni assegnate dalla L.R. 15/2006 e dalla L.R. 18/2009.

Educazione adulti

L’educazione degli adulti ha un’importanza fondamentale quale strumento di inclusione sociale e professionale. Le opportunità che sono offerte agli adulti che desiderano completare gli studi o iniziare un nuovo percorso formativo sono le seguenti: (i) Centri Territoriali permanenti (corsi statali gratuiti di scuola primaria e secondaria di I grado); (ii) Istituti secondari di II grado – statali (corsi serali); (iii) Università della terza età.

Studenti immigrati

A seguito dell’adesione della Provincia di Genova al protocollo di intesa “Scuole e nuove culture”, la Provincia si assume l’onere del servizio di mediazione linguistica e culturale rivolto alle scuole di competenza provinciale che segnalano prime iscrizioni di studenti immigrati da non più di un anno.

Scuola carceraria

Corsi di scuola secondaria di II grado sono presenti in tutte e tre le case circondariali del territorio provinciale, oltre ad attività extra curriculari. Nel seguito è possibile scaricare la normativa di riferimenti e dei dati collegati all'argomento.

In particolare:

Disabilità

A seguito di monitoraggio e verifica dei bisogni, realizzati attraverso un sistema di doppia rilevazione e confronto tra le richieste pervenute dalle Istituzioni scolastiche, dalle ASL competenti per territorio e dagli altri presidi sanitari organizzati, la Provincia di Genova contribuisce ad assicurare l’integrazione scolastica degli studenti disabili che frequentano le scuole secondarie

Contributi per il merito scolastico

ll "Piano Regionale per il diritto allo studio del sistema scolastico e formativo - anni 2008/2010", della Regione Liguria demandava alle Province l'istruzione e la formulazione delle graduatorie degli aventi diritto al Contributo per il merito scolastico.