Il diritto/dovere all’istruzione

Al termine della scuola secondaria di primo grado (ex scuola media inferiore) le famiglie ed i ragazzi devono scegliere quali percorsi avviare per assolvere l’obbligo di istruzione, completare la propria formazione di base ed acquisire le competenze per il futuro professionale.

Nell’attuale ordinamento, l’obbligo di istruzione dopo il primo ciclo si può assolvere:

  • con la frequenza dei primi due anni di un percorso di istruzione di secondo grado;
  • con la frequenza dei primi due anni di un percorso di istruzione e formazione professionale;
  • mediante la stipula di un contratto di apprendistato.

I dieci anni dell’obbligo si collocano nell’ambito del diritto-dovere all’istruzione e formazione che si estende, fino al 18° anno di età o comunque sino al conseguimento di una qualifica professionale di durata almeno triennale entro il diciottesimo anno di età.

L’obbligo di istruzione può essere assolto nelle scuole statali e paritarie e nelle strutture accreditate dalla Regione Liguria per l’istruzione e formazione professionale, nonché attraverso l’istruzione parentale.
Pertanto, gli studenti che concluderanno con esito positivo il percorso del primo ciclo, potranno:

  • iscriversi alla classe prima di un istituto di istruzione secondaria di secondo grado;
  • iscriversi ad un percorso di istruzione e formazione professionale realizzato da strutture formative accreditate dalla Regione Liguria o da un Istituto Professionale in regime di sussidiarietà;
  • avvalersi dell’Istruzione parentale, limitatamente al conseguimento dei saperi e delle competenze relativi ai primi due anni di istruzione secondaria superiore.

I giovani che dimostrino di non poter frequentare i corsi diurni possono assolvere l'obbligo frequentando i corsi serali.

Scopri di più